You are here

Quarto e ultimo giorno della castità forzata di jessica

Submitted by blogbdsm on Tue, 09/01/2015 - 10:39

 questo è il resoconto dell’ ultimo giorno d’astinenza.
Stamattina ho cominciato chiedendoti una concessione anche piccola. Tu mi hai concesso di farmi toccare, ma solo da un’altra donna.
Io ti ho risposto che non avrei potuto farlo, non sono una lesbica. Non mi piacciono le donne, avrei preferito continuare l’astinenza.
Mi hai risposto che lo sapevi, me l’hai proposto appunto perchè volevi che continuassi a soffrire senza toccarmi.
Dopo però hai cambiato idea, mi hai concesso di toccarmi, ma senza venire. Hai detto che sarebbe stato molto peggio.
Non ci credevo, speravo di riuscire a fermarmi in tempo. Invece non è successo. Ho goduto come una cagna, impalata sul manico di una spazzola, toccandomi.
Solo dopo ho realizzato che non avrei dovuto farlo.
Te l’ho confessato, mi hai punito. Masturbazione con la spugnetta di acciaio per scrostare i piatti e 100 colpi di spazzola sul culo.
Ad ora mi sono punita solo con la spugnetta. Ho strofinato forte la figa con la spugnetta, l’ho tenuta nelle mutandine per quasi due ore, sedendomici sopra e sentendomi pungere tutta, dal clitoride all’ano. Dopo mi bruciava. Ti ho mandato le foto della mia figa irritata.
Stasera poi, sorpresa. Mi hai chiesto di attaccarmi le mollette ai capezzoli, io l’ho fatto. Mi sono fatta male, bruciano tanto. Ho chattato con te soffrendo il dolore.
E dopo hai voluto che ne mettessi una sul clitoride, ho esitato un attimo, poi l’ho fatto. Dolore cane all’inizio, poi meno.
Ti ringrazio padrone per queste esperienze.

racconti erotici bdsm

schiava novizia con grosse tette