You are here

la tortura del seno

Submitted by blogbdsm on Fri, 01/04/2019 - 14:20

Tortura seno. Psicologicamente la tortura del seno ha profondi risvolti perchè le mammelle sono una parte del corpo femminile strettamente collegata all’identità sessuale.

E’ un organo in una posizione strategica per essere torturato anche solo con le mani puntando negli occhi fino a che questa non abbassa lo sguardo. Il seno femminile è un organo molto complesso che racchiude la ghiandola mammaria da cui originano i dotti che trasportano il latte che terminano nel cappezzolo che nella donna è ricco di terminazione nervose legate anche alla stimolazione sessuale.

Vista la diffusione anche di protesi mammarie è lecito chiedersi se è sicuro il BDSM in presenza delle cosidette ” tette rifatte”. la risposta è dipende: ci sono due tipi di approccio alla mastoplastica: protesi sottoghiandolare e protesi sottomuscolare. la prima è la più diffusa per motivi economici, ma è anche la più superficiale, ma quindi anche la più esposta a traumi, la sottomuscolare invece dà più protezione.

Per quanto riguarda il BDSM a mio modo di vedere bisogna prestare molta attenzione in ambedue i casi: sono  bondage serrati, frustate, schiaffi e colpi vari sono assolutamente da evitare non solo per il rischio di rottura della protesi ma per il più concreto rischio della sua dislocazione. In caso di protesi quindi il mio consiglio è di concentrasi sui cappezzoli….

Lasciando perdere le tette rifatte adesso volevo parlarvi dei mezzi di tortura più utilizzati sul seno: pinze, mollette e similia.

Bloccando la circolazione attraverso questi strumenti si stimolano i recettori del dolore(per un sadico come me è il momento per guardare la schiava negli occhi vedendone la sofferenza)

Bisogna prestare attenzione anche qui però se una persona a un certo punto non sente più il dolore non è perchè si è abituata, ma perchè i recettori del dolore si sono scaricati,  anche se il dolore cessa il blocco della circolazione continua quindi bisogna sempre prestare attenzione a quanto a lungo si tengono questi strumenti sui cappezzoli della schiava, bisogna prestare molta attenzione a non fare disastri.

Questo articolo non l’ho scritto per spaventare nessuno, ma solo per avvertire alla responsabilità nel fare questi giochi che se fatti con attenzione sono divertenti per tutti e due per i padroni e per le schiave, ma vanno fatti con la testa sulle spalle.

altri post riguardanti a mia visione del bdsm