You are here

Diario di una schiava 16.01.2014

Submitted by blogbdsm on Tue, 09/01/2015 - 13:51

Ultimo giorno, finalmente, credo che ormai sia sul punto di scoppiare dall’eccotazione e dalle voglie accumulate. È stata una i ornata intensa, ma comunque la più difficile. Mi sono svegliata con calma perché il giovedì è il mio giorno libero, mi sono coccolata un po’ con un bagno e una maschera di bellezza, ho indossato una canottiera di pizzo nera, una sorta di camicetta semitrasparente beige e una giacca sopra, un fular beige, i gambaletti neri e delle francesine, infine una gonna a balze nera con un pizzo beige sotto e poi sono finalmente uscita, una piccola sosta nel bar vicino a casa per, con la scusa della colazione, godermi gli sguardi famelici degli abituali clienti del locale. Ho ricevuto diversi apprezzamenti sulla miei cosce nude dal barista stesso prima di lasciare il bar. Il resto della mattinata, fino al mio ritorno a casa alle due è trascorso tra commissioni vari e code alla banca che non hanno fatto altro che accrescere il mio bisogno di toccarm. Tornata a casa mi sono sbrigata con un Rosy per pranzo, ho sistemato un paio di cose e finalmente mi sono dedicata al mio compito. Questa volta più che un compito si trattava di una punizione: per essere tata ostacolata dalla linea. Mi sono spogliata e mi sono distesa sul letto armata di una spazzola e con quella ho iniziato a castigare il mio culletto bianco e delicato fino a farmi mugolare dal dolore e a ritorvarmi con il sedere paonazzo e dolente. Era l’ultimo passo, verso la fine della mia settimana di castità e ce l’avevo fatta.