Elizabeth e le altre schiave del sesso vengono portate nella villa dei piaceri sessuali

Spread the love

Il viaggio verso la villa è durato circa quattro ore con un pulmino noleggiato da Peter. Le quattro schiave Elizabeth, Alisa, Aiko e Monica erano sedute sul retro. La villa era di proprietà di una cooperativa di amici di Peter e Jane, tutti schiavi del sesso che erano già di proprietà qualche padrona o padrone. Per arrivare alla villa si attraversava una fitta boscaglia fino ad arrivare a una piccola baia in fondo alla quale si trovava l’edificio insieme ad altre otto piccole villette. Ognuna delle schiave aiutò a portare i bagagli nella hall che aveva un doppio contro soffitto e vennero salutate da Jessica e Frank che erano i custodi della villa. Un ampia scala conduceva al piano successivo, dove finivano la scale la ringhiera continuava in entrambe le direzioni formando come una grande piazza sopra la hall. C’era un bancone della reception evidentemente un residuato di quanto la villa era una struttura alberghiera. Sul muro dietro il bancone ci sono dei fori che evidentemente servono per la posta dei vari ospiti. Elizabeth notò che il terzo foro portava la scritta “Jane e Peter” con altri quattro nomi che non riusciva a leggere più in basso. Le schiave del sesso portarono quindi i bagagli alla stanza numero tre, dove c’era solo un letto matrimoniale ed Elizabeth si chiese il perché. Tornarono giù e Jane condusse le schiave in una stanza che si trovava giusto dietro l’ingresso. C’erano una trentina di armadietti simili a quelli che si possono trovare nelle palestre, venne loro ordinato di spogliarsi e di lasciare la loro roba dentro gli armadietti, potevano portarsi dietro solo le borse col materiali per truccarsi. Jane poi le accompagnò fino ad una porta che si trovava sul lato sinistro della hall che portava una scritta sulla porta “stanza delle schiave”. Aprì la porta che richiuse subito, si trattava dell’ufficio di Jessica che aveva tre porte una portava nel locale bagno e doccia, una portava in un dormitorio con file di semplici lettini e una in una stanza con scaffali e stendibiancheria. “Queste sono le stanze delle schiave di cui io e Frank siamo custodi” disse Jessica entrando nell’ufficio. Frank entrò e si infilò un collare di pelle attorno al collo, mentre Jessica scriveva i nomi delle quattro schiave del sesso sul computer. Quando Jessica finì, Frank le portò in bagno. Li stampò dei numeri sulle loro braccia con l’aiuto di uno stampo, fece poi la stessa cosa su una guancia e sul culo. Un logo di proprietà “J & P” fu quindi stampato sulle loro mammelle. Le informò che quello che era stato impresso loro era un logo di proprietà che sarebbe potuto essere cancellato solo con un certo tipo di solvente. Frank quindi condusse Elizabeth nella stanza del dormitorio, fino ad arrivare al lettino numero undici dovè la incatenò con una grossa catena. Sul muro dietro il letto notò, un cartello che indicava il suo nome e il suo grado di schiavitù sessuale che era la terza classe, il suo sesso, la data in cui è diventata schiava del sesso e il nome dei suoi padroni. Guardò poi Frank mentre portava le altre schiave del sesso ai loro lettini e le incatenava. Vennero chiamate dopo circa dieci minuti e vennero condotte fuori dalla zona delle schiave, le aspettava Jane che le portò via con lei. “Ora schiave ho un incarico per voi, voglio che entrambe camminiate fino all’ultima casa della baia, la numero otto.” La fissarono entrambe incredule, ma Jane sorrise loro dicendo” Non preoccupatevi schiave, non vi ordinerei mai nulla che siete in grado di fare, camminare fino a lì completamente nude è un atto di sottomissione nei miei confronti, non dovrete parlare con nessuna delle persone che incontrerete nel tragitto se non vi viene chiesto e se vi viene chiesto di fare sesso lo dovrete fare.” Nelle prime due case non c’era nessuno, nella terza c’era un coppia che faceva il barbecue, ma non degnarono loro di uno sguardo. Nella quarta casa, dove il sentiero si avvicinava al litorale due uomini si stavano preparando per andare a pesca su una piccola barca. Entrambi gli uomini si scambiarono commenti osceni sulle schiave del sesso “Ehi cagne vi piacerebbe soddisfare degli uomini eccitati.” “Un ordine che dobbiamo assolutamente eseguire.” disse Alisa. Uno degli uomini allora esce dal molo e urla:”Ehi Alan, vieni qua queste cagne ci stanno veramente.” Le schiave del sesso li spompirano come era stato loro insegnato cosa che non li fece resistere per molto tempo. Dopo aver ripulito per bene gli uomini della loro sborra esse rimasero in posizione come di attesa. “Immagino che adesso ve ne dobbiate andare cagne, cercate di tornare presto” disse uno degli uomini. “Dobbiamo chiedere alla nostra padrona se questo è possibile , ma è stato un onore servirvi.” I due uomini si guardarono l’un l’altro basiti e scrollarono le spalle increduli. Alla sesta casa due donne le fermarono e dissero loro “Cosa state cercando di fare puttane, rubare i nostri mariti? Dovreste vergognarvi, camminare tutte nude davanti a delle persone per bene come noi, Voi dovete essere sculacciate.” Le ragazze presero la cosa come un ordine, si chinarono, posizionando le terga nella posizione per essere scullaciate “Guardale disse una delle donne vogliono che le sculacciamo, andate via puttane disgustose e non passate più di qua.” Alisa cominciò a piangere, mentre camminavano verso la casa successiva dicendo “come può la padrona averci fatto una cosa del genere, è terribile quello che ci è successo.” “Alisa, la padrona ha detto che non avremmo avuto danni e ci dobbiamo fidare.” disse Elizabeth. Le prese entrambe le mani e le strinse forte. Quando arrivarono all’ultima casa un uomo e una donna le salutarono con una certa dose di indifferenza nei loro confronti. “Vedete quel molo lì in fondo, prendete questo walkie talkie e andate lì.” Quando arrivarono in fondo la donna ordinò loro di fare una danza sensuale. Elizabeth posò il walkie talkie e insieme alla altre schiave iniziò a ballare, la donna poi disse loro di masturbarsi, mentre danzavano e di girare leggermente in cerchio. Pochi minuti ricevettero un altro ordine “Ragazza nera inginocchiati e mangia la figa della ragazza bianca(Alisa) vicino a te. Ragazza bianca riferendosi a Monica metti le mani dietro la schiena, allarga le gambe, gira il tuo corpo e raggiungi con le tue mani il culo delle tue amiche.” I due uomini sul peschereccio remarono velocemente per gustarsi bene la scena. Alisa raggiunse presto il culmine con notevole imbarazzo per essere al centro di uno spettacolo quasi pubblico. “Assicurati di mangiare tutti i suoi umori.” ordinò la donna attraverso il walkie talkie ad Elizabeth e poi le fu ordinato di cambiare posto. La lingua di Alisa si muoveva bene nella figa di Elizabeth che infatti raggiunse il culmine in modo assai rapido. Dopo qualche minuto fu ordinato loro di tornare al cottage, la donna giaceva su una poltrona reclinabile. Aveva gli occhi socchiusi e portava un sorriso gratificato sul viso. “Fai un pompino a mio marito” ordinò ad Elizabeth senza degnarsi di guardarla in faccia. L’uomo si abbassò i pantaloni ed emerse che si trattava di un uomo molto dotato. Gli leccò le palle, poi lo prese in bocca, quasi soffocò da quanto era grosso il cazzo dell’uomo, ma fece respiri lunghi e profondi per riuscire a resistere. Stava quasi scopando il cazzo leccandolo, succhiandolo e accarezzandolo. Dopo poco l’uomo sborrò riempiendole la bocca e la gola del liquido bianco frutto del suo piacere, anche se ci è voluta tutta la sua esperienza per non soffocare data la quantità di sborra che l’uomo aveva eiaculato. La donna poi le ordinò di versare lo sperma che aveva in bocca in quella di Alisa, quando ebbero finito, la donna disse loro che potevano pure andare. Tornarono indietro camminando mano nella mano, fino a quando arrivarono alla casa dove c’erano le donne che le avevano insultate, ma queste non c’erano, erano presenti invece i mariti. “Ehi ragazze che ne dite di venire più vicino che vogliamo dare un occhiata ai vostri corpi che ne dite di fare sesso con un po’ di uomini eccitati?” Si avvicinarono al portico e restarono in attesa di ulteriori ordini. “Cosa siete disposte a fare per noi puttane?” “Qualsiasi cosa.” disse Monica. “Voglio quella nera disse uno dei due uomini, vieni qui e siediti sulle ginocchia.” Elizabeth fece come le era stato ordinato. L’altro uomo fece cenno ad Alisa di avvicinarsi “hai un corpo fantastico!” “Grazie signore sono contenta che le piaccia il mio corpo.” Girò il suo culo in grembo, mentre lui la baciava e lei rispondeva appassionatamente al bacio, poi le mise la mano nella figa che era tutta zeppa di umori. “è stato dolce con me signore, quando un uomo fa così mi bagno tutta.” Allora l’uomo mise un dito nella figa di Alisa e disse “preferiresti qualcosa di più succulento?.” “il suo cazzo signore.” Le afferrò il mento e le alzò la testa “Voglio che mi guardi quando ti parlo” “Mi dispiace signore, la prego di perdonarmi.” “Ti perdono per questa volta, ma non farlo mai più”disse baciando le labbra carnose e sensuali di Alisa. “Signore la prego sono così eccitata ho bisogno del suo cazzo.” “Va bene ora dovrai accontentarmi.” “Scendi, mettiti in ginocchio e succhiamelo.” Lei cominciò a succhiare il cazzo gonfio dell’uomo, accarezzandogli le palle con entrambe le mani. “sei proprio brava, ora chinati e appoggiati alla ringhiera.” L’uomo mise il cazzo nel culo di Alisa, competamente vergine, senza alcuna lubrificazione, procurandole un dolore tremendo, mentre inserì tutte le dita di una mano nella sua figa. Elizabeth guardò Alisa, con le sue urla e grida per l’orgasmo che stava arrivando e le ordinò di guardarla negli occhi perché voleva vedere il suo viso pieno di piacere. A questo punto le schiave del sesso tornarono alla villa dove furono accolte da Jane. “Sono molto orgogliosa di voi ragazze, abbiamo visto tutto quello che avete fatto con il binocolo.” “Per fortuna ho dato sempre dato ascolto ad Elizabeth, se non fosse per lei non so cosa sarei riuscita a fare.” disse Alisa “Be Alisa hai imparato qualcosa per il futuro” “Si, padrona.” Jane accompagnò poi le ragazze negli alloggiamenti delle schiave, dove furono accolte da Frank che le portò nelle docce dove si lavarono l’un l’altra e poi le riaccompagnò nei loro letti dove era presente una scatola di cartone che conteneva la loro cena. Dopo averle legate di nuovo con la catena e legato le mani dietro la schiena disse loro che avrebbero potuto mangiare. In pratica dovevano mangiare come delle vere cagne, in più la carne non era neanche tagliata a bocconi,il che rendeva l’operazione ancora più complicata. La cosa più umiliante per le schiave del sesso fu però non avere la possibilità di lavarsi la faccia tutta sporca, infatti Jessica attraverso il citofono disse loro che non aveva tempo di portare loro delle salviette, l’unica cosa che era concesso di fare era sdraiarsi sul letto. Elizabeth si sdraiò e si addormentò nonostante la posizione scomoda determinata dal fatto di avere una catena al collo. Due ore dopo fu svegliata da una frustata sul sedere da parte di Jessica. “Hai un incarico Jessica chi ti ha dato poi l’autorizzazione ad addormentarti cagna?” Jessica la portò nell’ufficio dove sulla sedia c’erano una gonna a perline molto corta, calzini bianchi fino al ginocchio, reggiseno e mutandine di pizzo fino al ginocchio. La custode la vestì e le disse che doveva comportarsi come una studentessa in una scuola privata che si era comportata male, la sua insegnante stava venendo per portarla nell’ufficio del preside che avrebbe dovuto punirla. Con sua grande sorpresa vide che il preside era una delle signore che l’avevano insultata durante la passeggiata completamente nude fino al molo. “Ha infranto tutte le regole di questa scuola signorina e ci sono tutti i motivi per espellerti. Vedi quelle quattro persone sedute lì sono il consiglio di amministrazione della scuola, hanno già discusso la tua situazione e di espellerti a meno che non accetti una forma alternativa di punizione. Non ti verrà detto quale forma prenderà questa punizione, ma una volta scelta questa strada non potrai più tornare indietro.” Le fu ordinato di chinarsi sulla sedia e di mette le mani sui braccioli. La donna quindi legò ciascuno dei polsi ai braccioli e le gambe , lasciandola completamente immobile. La sua gonna fu sollevata esponendo al pubblico ludibrio le sue mutandine e il suo culo. “è stato deciso di darti una scelta o accettare sessanta frustata sul tuo culo con questo frusta di cuoio o una punizione alternativa che non ti dirò cosa scegli’” “la punizione alternativa.” La preside allora la slegò, le tolse completamente le mutandine, poi la spogliò completamente facendola diventare completamente nuda e le ordinò di girare lentamente il corpo per farsi osservare bene. Lo fece per cinque minuti dopo di che le fu ordinato di piegarsi nuovamente sulla sedia e fu legata esattamente come prima. Ognuno dei presenti la sculacciò a turno, alcuni la toccavano anche in ogni anfratto del suo corpo, Qualcuno teneva sempre delle dita dentro la sua figa e quando le toglieva era subito sostituito da un altro. Sentì poi una barella con delle ruote arrivare, con delle donne sopra, solo che aveva un particolare aveva un buco e fu costretta a leccare il buco del culo delle donne, mentre la preside infilò un vibratore di grosse dimensioni nella sua figa. La barella fu poi portata via e le donne scesero mettendo la loro figa nella faccia di Elizabeth per farsela leccare. La prima di queste era una donna alta e magra con grandi labbra come la sua padrona. Le piaceva piegare la lingua per metterla dentro la figa, prima di leccarle il clitoride facendo oscillare il bacino della donna. La preside tolse il vibratore, slegò Elizabeth ordinandole di girarsi. Ognuno degli uomini presenti cominciò a mettere il suo cazzo nel culo di Elizabeth, ancora vergine senza nessuna lubrificazione, il dolore per lei fu tremendo, solo il desiderio di obbedire alla sua padronale impedì di alzarsi e andarsene da quanto era lancinante il dolore. Mentre succedeva questo la preside le mise il culo in faccia facendoselo leccare., mentre le altre donne le toccavano con le dita le tette e la figa. Fu costretta poi a ingoiare tutti gli umori della donna e a ripulire tutti i cazzi che l’avevano inculata. “Ora bambina mia” disse la preside ci rammarichiamo molto che questa punizione sia stata necessaria. Riteniamo tuttavia che sia l’unico modo per insegnare ai giovani di imparare a comportarsi in modo adeguato. Questa punizione come essendo molto leggera ti sarà sottoposta una volta alla settimana per un mese. “Grazie preside e grazie a tutti i componenti del consiglio di amministrazione, sono felice che mi sia stata data un altra possibilità, so di non aver meritato la vostra comprensione.” “Sono contenta che tu abbia compreso la nostra difficile posizione, ora a causa dei nostri impegni, non sarà sempre possibile punirti come gruppo, quindi la tua insegnante redigerà un programma di sessione correttive per te. Questo ti dirà l’ora e il luogo esatto dove dovrai ricevere ciò che meriti. La tua prima sessione sarà a casa mia domani sera, mio marito è molto comprensivo e mi darà una mano. A meno che tu non abbia qualcosa da dire puoi rivestirti e uscire.” “Oh signora preside, domani parto per un viaggio d’affari di tre settimane” disse uno dei membri del consiglio di amministrazione, mi chiedo se dovrei portarla nella mia stanza d’albergo stasera e punirla, penso che potrei somministrarle la punizione di tre settimane in una notte.” “Mi sembra una cosa buona, ma non possiamo permettere che esca dalla scuola senza una presenza femminile” disse la preside,al che intervenne una delle donne presenti che affermò che il marito era via per alcuni giorni a e avrebbe potuto partecipare testimoniando l’avvenuta punizione in conformità ai regolamenti della scuola. La portarono al piano di sopra dove si rilassarono sorseggiando del buon vino, dopo di che l’uomo disse che era arrivato il momento per iniziare la punizione, la portò nella sua stanza e gli impartì la punizione. Fu appoggiata sopra il letto denudando il sederino e l’uomo le diede cento colpi con un legno di bambù di quelli che si usano per tenere su i pomodori, il dolore per Elizabeth fu tremendo il suo culo era diventato pieno di piaghe, non sarebbe riuscita a sedersi per chissà quanti giorni.