You are here

Gioia nell'abisso della sottomissione 2

Submitted by blogbdsm on Wed, 09/02/2015 - 08:50

Dopo il primo incontro con Gioia durante il quale mi aveva parlato di lei, delle sue tensioni, delle sue pulsioni, dell'intesa sessuale col suo fidanzato, dell'insoddisfazione sessuale reciproca, dei tradimenti che gli aveva fatto e che lui conosceva , decisi che il primo passo per un addestramento che portasse Gioia a essere una schiava oltre che nel corpo anche nella mente doveva essere un incontro anche col fidanzato in una situazione in cui quello che mi aveva raccontato fosse diventato evidente e plastico.
Organizzai quindi una serata invitando sia Gioia che il fidanzato in una nota discoteca fiorentina e in quell'occasione ordinai a Gioia di presentarsi vestita come al nostro primo incontro cioè una minigonna molto corta appena sopra il sederino, un top nero e un slip nero aperto proprio all'altezza della passerina.
La serata cominciò in modo molto tranquillo come fossimo dei vecchi amici che si ritrovano dopo tanto tempo, a un certo punto decisi però di sviare la conversazione chiedendo come fosse il loro rapporto sessualmente parlando. Gioia sapeva che volendo diventare una mia schiava non poteva rispondere in modo comprensivo e disse che ormai il fidanzato non la faceva più godere, che sessualmente era sempre di più un disastro, che si era presa qualche scappatella e che era ora di finire con questa ipocrisia. Federico quasi piangendo rispose che era tutto vero e che il problema era nato quando aveva scoperto la sua natura di sottomesso o meglio di cuckold e il sesso fatto in modo tradizionale non lo eccitava più, però finora le scappatelle di Gioia erano un altra cosa in quanto non era mai stato umiliato davanti a un suo amante come avveniva in questo momento. A questo punto lo corressi dicendo io non sono l'amante della tua fidanzata, io sono il padrone della tua fidanzata. Questa affermazione lasciò atterrito Federico che chiese conferma a Gioia che prima di rispondere stette un attimo in silenzio, mi guardò negli occhi, ma poi rispose che era vero che lei era diventata la mia schiava e che se lui voleva continuare a essere il suo fidanzato avrebbe dovuto accettare la situazione, ben sapendo che tutto quello che avrebbe potuto continuare a fare con la sua fidanzata sarebbe dipeso dal mio consenso. Federico rimase in silenzio per l'umiliazione, mai avrebbe pensato che Gioia sarebbe arrivata fino a questo punto. Intervenni allora io dicendo che avrei portato a ballare, la sua fidanzata, ma prima per fargli vedere cosa era diventata Gioia le sollevai la gonna e gli feci vedere che tipo di slip le avevo ordinato di portare. Vidi la faccia scioccata e affermai vieni cagna che andiamo a ballare intanto che il verme del tuo fidanzato ci pensa. Per umiliarlo ancora di più ballammo molto vicino al tavolo che avevo prenotato e dove stava Federico .Quello tra me e Gioia fu un ballo molto sensuale in cui più volta strusciavo i miei organi sessuali sul suo sedere e sulla sua passerina fino a che misi anche mano sulla sua passerina che si era visibilmente eccitata. Dopo poco tornammo al tavolo e ordinai a Gioia di far sentire al suo fidanzato come l'avevo eccitata a differenza di quello che riusciva a fare lui. Gioia mise un dito dentro la passerina e glielo fece annusare per farli sentire i suoi umori, ma decisi di infierirle dicendogli i di leccare il dito per sentire meglio gli umori della sua fidanzata.
Federico anche se balbettando prese la parola e disse che pur di non perdere la sua fidanzata avrebbe accettato questa nuova vita, allora io risposi che si poteva tornare a casa e che sei sarei andato a trovarli il pomeriggio successivo.

novice slave picture