You are here

Giorgia la manager che diventa mia schiava 6

Submitted by blogbdsm on Tue, 09/01/2015 - 17:57

Giorgia mi informa il giorno dopo di quello che era avvenuto nel suo ufficio cioè costringere la sua segretaria Francesca a diventare una mia schiava e si sentiva un pezzo di merda, ma avrebbe fatto qualsiasi cosa per il suo padrone. Le ordinai allora di di venire insieme a Francesca nel mio ufficio una volta finito di lavorare l’indomani.
Francesca era nuova al Bdsm e molto giovane e per niente una sottomessa naturale come Giorgia quindi per passare da una sottomissione forzata dovuta alla paura di perdere il posto di lavoro a una sottomissione reale ci sarebbe voluto tempo ecco spiegato la convocazione delle due nel mio ufficio.
L’indomani intorno alle cinque arrivarono nel mio ufficio Francesca e Giorgia e si vedeva benissimo che Francesca era molto scossa da quanto le andava capitando e quindi per affondare il cortello nella piaga feci come battuta che erano arrivate le due cagnette quella vecchia e quella giovane.Feci un piccolo passo in avanti e tastai bene la merce di Francesca che era molto abbondante soprattutto le tette che palpai forte come stessi mungendo una vacca, la cosa umiliò molto Francesca guardandola in faccia, infatti abbassò lo sguardo, poi le dissi che saremmo usciti tutti insieme per fare una passeggiata al che mi guardarono spaesate come a chiedere cosa avessi in mente.
Allora uscimmo per fare una passeggiata ovviamente le due donne portavanno ancora le scarpe eleganti con i tacchi che portavano in ufficio. Le portai quindi per una stradina impolverata e piena di sassi, in cui la difficoltà delle due donne a camminare e a stare in piedi fu davvero notevole, tra le risate generali di quelle poche persone che passavamo. Dopo circa un ora dissi possiamo tornare in ufficio che abbiamo sgranchito abbastanza le gambe.
Una volta entrati feci togliere alle due schiave le scarpe e mi sedetti nella poltrona, infatti non potevo permettere a due cagne di sporcarmi lo studio con le loro scarpe.
Una volta seduto ordinai a Francesca di pulirmi le scarpe e lei in modo ingenuo mi chiese dove tenessi le spazzole, io invece le risposi in maniera beffarda che lei era la spazzola o meglio che la sua lingua sarebbe stata la spazzola. A quel punto Francesca rimase un attimo interdetta, ma capiva che non aveva scelta se voleva conservare il suo lavoro. Si chinò e comincio a pulire col la lingua le mie scarpe, operazione che si vedeva chiaramente che le dava ribrezzo e la cosa a dire il vero mi eccitava molto, alzai quindi le scarpe facendogliele leccare anche sotto la suola e a questo punto quando vidi che quasi vomitava mi fermai.
Mi ricomposi e dissi a Giorgia che poteva andare, mentre Francesca sarebbe rimasta con me che l’avrei portata a cena, al che la ragazza capì che la giornata sarebbe stata ancora lunga e intensa. Prima di uscire per andare a cena installai nella passerina di Francesca degli ovetti vibranti che venivano mossi da me attraverso un telecomando wifi, controllai che il meccanismo funzionasse e poi dissi a Francesca che potevamo andare a cena.
Nel tragitto dal mio studio al ristorante non molta strada, mossi a velocità più o meno intensa, la velocità più intensa la mettevo quando si avvicinavamo a delle vecchiette e quindi Francesca era costretta a camuffare come poteva le sue sensazioni, ma non ci riuscì sempre tanto che una signora le chiese se si tentisse male dato la faccia strana che aveva.
Durante la cena tormentai a più riprese Francesca spesso facevo vibrare gli ovetti così velocemente che stava per godere, per fermarmi all’improvviso. Dal suo sguardo si vedeva chiaramente che psicologicamente era allo stremo portata continuamente sul punto di godere, ma fermata sul più bello decisi allora che era il momento di uscire e pagare il conto e lasciarla andare a casa che come prima giornata di schiavitù sarebbe stata sufficiente ben sapendo che le sue mutandine potevano essere strizzate in quel momento da quanto erano impregnate di umori.

milf slave picture