You are here

Giorgia la manager diventata schiava 7

Submitted by blogbdsm on Tue, 09/01/2015 - 18:03

Dopo quella prima giornata di schiavitù e soprattutto dopo i momenti passati al Ristorante decisi per un po’ di tempo di lasciare in pace Giorgia, ma soprattutto Francesca così le due donne sarebbero state a pensare quale sarebbe stato il loro destino di schiave, un destino che le eccitava, ma che al tempo stesso le terrorizzava.
Trascorse due settimane chiamai Giorgia dicendole di avvertire Francesca in quanto avrebbero dovuto passare il weekend a casa mia. La donna tentò di chiedermi che cosa avevo in mente, ma fui molto elusivo dicendo che sarebbe stata una sorpresa e che non le avrei detto nulla.
Il venerdì sera un taxi passò a prelevare le due donne e a portarle nella mia dimora, dove furono accolte da una cameriera di nome Marika che non era una semplice cameriera, ma anche una troietta con tendenze lesbiche a cui lasciavo una certa carta bianca con le mie schiave in mia assenza.
Marika accompagnò le due donne nelle loro stanze accompagnandosi a battute salaci sulle caratteristiche fisiche di Giorgia e Francesca e dicendo che il padrone le aveva concesso di assaggiare la merce che aveva davanti cioè i corpi di quelle che ormai erano diventate delle schiave.Le due donne in condizioni normali avrebbero sicuramente rinunciato non essendo minimamente lesbiche, ma temendo punizioni tremende da parte mia cedettero alle pretese di Marika di essere usate.
Marika cominciò dalle tette di Francesca toccandole le grosse mammelle, strizzandole forte e trattandole come si farebbe con una vacca, per poi intimare alle due donne di restare solo in intimo.
A questo punto scostò la mutandina di Francesca e mettendole il dito nel sederino affermò:”lo hai usato poco, hai fatto la santarellina fino ad adesso”, per poi mettere una mano sulla passerina strizzandole il clitoride con le unghie cosa che Fece bagnare Francesca facendo gridare a Marika guardala qua la santarellina che troietta che è. Francesca si sentì fortemente imbarazzata fino a diventare quasi rossa. Marika allora cominciò ad occuparsi di Giorgia, mettendole inizialmente un dito in bocca e obbligandola a leccarlo tra insulti che ferivano il suo orgoglio di donna, di madre e di manager di successo tipo guarda la signora come lecca bene fará sicuramente dei pompini straordinari, chissá quanti ne avrà leccati per arrivare dove è arrivare. Giorgia avrebbe voluto reagire mettendo le mani adosso a Marika, ma la sua natura di sottomessa e la paura di punizioni le impedì di farlo.
Marika ordinò alle due schiave di baciarsi, ma il fatto che non erano lesbiche e che non l’avevano mai fatto le indusse a darsi dei bacetti poco più che casti, il che fece inveire la cameriera la quale asserì che se stavano pensando di prenderla in giro si sbagliavano di grosso e che sarebbe andata a chiamare il padrone. Visto che erano cosí indisciplinate
Marika venne a chiamarmi spiegando la situazione e rimarcando il modo in cui la stavano prendendo in giro. Io concordai con Marika e decisi che le due schiave andavano sicuramente punite. Ordinai quindi a Marika di legare Francesca e Giorgia tenendo il sedere nudo ed esposto a cui diedi una cinquantina di vergate ciascuna con una canna di bambù. Il dolore per le due donne fu talmente lancinante che non poterono sedersi tutta la notte e furono costrette a dormire col sederino sollevato da quanto era il bruciore il che mi fece pensare che la serata di venerdì poteva concludersi così.

milf slave picture