You are here

l'omicidio nel club bdsm 3: la festa dell'imprenditore arabo

Submitted by blogbdsm on Thu, 08/24/2017 - 10:05

Jessica fu contenta di essere prescelta anche se sapeva che non avrebbe potuto essere avida di informazioni fin da subito per non dare adito a sospetti, quindi decise per una strategia in cui inizialmente si sarebbe comportata come qualsiasi altra ragazza del club.

Il giorno dopo le ragazze furono rivestite col cappuccio e portate presso la villa dell'imprenditore arabo appena fuori Londra.

Furono alloggiate in una parte del palazzo separata dall'harem dell'uomo perchè non dovevano sapere nulla della festa, di come era stata organizzata, di come si sarebbe svolta o semplicemente di come si erano svolte le feste precedenti organizzate dall'uomo.

Per tutta la mattinata e il pomeriggio, le ragazze erano terrorizzate da quello che avrebbe potuto capitare loro la sera visto quello che era già successo durante la selezione per parteciparvi, essere leccate da un cane era stata un esperienza che mai avrebbero pensato di fare in vita loro e che mostrava come si erano messe con le loro stesse mani in un club di pervertiti e sadici da cui ci sarebbe stato da aspettarsi di tutto. Le ore che le separarono all'inizio della festa furono interminabili anche perché le stanze in cui si trovavano erano controllate da telecamere a circuito chiuso e quindi tutte le loro conversazioni erano completamente monitorate, inoltre non erano presenti nelle stanze in cui erano confinate né giochi in scatola, né playstation, né qualsiasi altra cosa che le avesse aiutate a passare il tempo, un sadismo nel sadismo.

Quando arrivarono le dicianove circa le ragazze furono condotte in un enorme salone dove erano già presenti un altra decine di ragazza, probabilmente escort dell'uomo arabo per allietare la serata e vennero poste le tre ragazze sopra una sorta di tribuna e vestite con un cappuccio.

L'uomo introdusse la serata dicendo che quelle tre erano le novizie che il club gli aveva prestato per allietare i suoi ospiti e che ne avrebbe messa una in palio come schiava per la nottata a chi si fosse aggiudicato la serata, l'unico limite che avrà è non andarci troppo pesante perchè si tratta ancora di merce fresca.

Per prima cosa disse vi dimostrerò che si tratta di merce di prima qualità, che si tratta di autentiche cagne di cui non bisogna aver rispetto e nessun riguarda e vi riproporrò il test con cui le ho scelte. Venne portato un enorme letto a due piazze in cui venne legata con mani e piedi la prima ragazza dopo averla spogliata del tutto. Successivamente venne portato dentro un cane che venne avvicinato al letto e alla passerina della ragazza e questi essendo stato per parecchio tempo in astinenza cominciò a leccare la fighetta della ragazza in modo forsennato con la sua lingua rasposa, che venne dopo pochissimo tra la vergogna che provava dentro e gli applausi scroscianti degli astanti. Venne poi fatta entrare la seconda ragazza e il copione fu sostanzialmente analogo, infatti il cane era ancora visibilmente infoiato.

Fu poi la volta di Jessica che come l'altro giorno ci mise tutto il suo impegno per non godere subito e dare meno soddisfazione possibile a questa gente di umiliarla e soprattutto di differenziarsi dalle altre in modo di poter essere scelta, entrare nelle grazie di questa gente e cominciare a scoprire qualcosa sulla ragazza che era scomparsa, o più probabilmente morta.

Il cane vedendo che Jessica non veniva era sempre più contrariato, ma soprattutto sempre più infoiato ed eccitato fino a sfoderare il suo enorme pene e a penetrare la malcapitata fino a depositare il seme sulla sua fighetta, psicologicamente Jessica era devastata, ma sapeva benissimo che non sarebbe finita lì, infatti le fu ordinato con un dito di bere il seme del cane cosa che fece avendo quasi conati di vomito che cercò di trattenere in tutti i modi per non dare loro questa soddisfazione.

Si alzò a questo punto un uomo tra gli ospiti dell'arabo che disse che parlando a nome di tutti ringraziava il padrone di casa per aver donato queste tre cagne e che la festa avrebbe potuto avere inizio.

Riprese la parola il padrone di casa spiegando quale sarebbe stato il gioco di quella serata: avrebbero dovuto scegliere la loro ragazza preferita delle tre, poi sarebbero stati incapucciati e avrebbero dovuto riconoscere la ragazza tastandone le mammele non solo tra queste tre, ma anche alle altre dieci ragazze scelte tra le migliori escort che forniva il mercato.

Gli ospiti furono incappucciati e uno alla volta parteciparono al gioco. Questi non si limitarono a tastare le mammelle delle varie ragazze per individuare quelle che erano proprie dalla ragazza prescelta, ma strizzavano i capezzoli con le unghie, li contorcevano fino a farle urlare dal dolore,pizzicavano il clitoride con le unghie per vedere se fosse quello di un escort che si erano già fatti e quindi poterla escludere, ma nonostante questo nessuno riusciva a individuare la ragazza prescelta fino a che l'ultimo astante che invece di di fare ciò si limitò ad contorcere i capezzoli delle varie ragazze con una chiave per tubi e riuscì ad indovinare aggiudicandosi Jessica.