You are here

racconti erotici sottomissione

le due cagne italiane nella villa dei sessantenni e fine della loro libertà: debutto schiave di livello inferiore nel club malfamato

Submitted by blogbdsm on Mon, 03/19/2018 - 10:05

Dopo la firma del contratto le ragazze vennero portate in un grande albergo londinese dove sarebbe stato spiegato quale sarebbe stata la loro destinazione finale.

Jessica e Manuela spiegarono loro che quelle che durante la selezione avevano ottenuto un risultato migliore sarebbero state destinate ai club con la migliore clientela, mentre quelle che si erano dimostrate peggiori sarebbero state destinate a una clientela di più basso livello e fu ribadito che coloro che avrebbero disubbidito sarebbero state liquidate senza nessun compenso.

le due cagne italiane nella villa dei sessantenni e fine della loro libertà: casting altre schiave

Submitted by blogbdsm on Mon, 02/26/2018 - 15:27

Per Jessica e Manuela l’esperienza del club lesbo fu abbastanza traumatico, quindi la ricerca delle schiave per liberarsi da quel gioco e iniziare a guadagnare come promesso da me e Jack doveva incominciare al più presto.

Decisero di affittare un appartamento e un ufficio a Milano, dove tra modelle, aspiranti modelle, attrici, aspiranti attrici c’erano diverse prede possibili per i loro scopi.

Cominciarono mettendo annunci su svariati siti internet che cercavano delle escort di alto bordo soprattutto tra modelle, attrici o aspiranti tali per un lavoro molto ben retribuito.

omicidio al club bdsm: jessica nelle segrete della villa

Submitted by blogbdsm on Sun, 09/24/2017 - 13:51

Jessica non si accontentò del discorso di Frank che le dava della pazza, che le diceva che le conveniva lasciar stare la sua indagine e di pensare solo a prendersi i soldi, e pensò di incalzarlo perchè non avrebbe avuto molte altre possibilità di scoprire qualcosa senza essere vista né notata dall'organizzazione.

omicidio al club bdsm

Submitted by blogbdsm on Tue, 08/01/2017 - 14:56

Lo Yorkshire è una ridente regione dell'Inghilterra profonda caratterizzata dal verde dei suoi prati, dalla bellezza della natura e soprattutto da ville che un tempo erano solo della nobiltà inglese, mentre oggi vengono affittate anche alla media alta borghesia.

Spesso sono utilizzate anche per club di vario genere e natura compresi quelli dediti al sesso estremo, al bdsm soprattutto da parte di ricchi signori.

marika la moglie schiava(cap. 3 Marika con Apollonia un altra delle mie schiave)

Submitted by blogbdsm on Tue, 05/02/2017 - 20:13

Apollonia è una mia schiava pugliese di 19 anni. Fa la barista in locale alla moda di una nota città della Puglia. E' una schiava quasi novizia e con ancora molte inibizioni. Ha il fisico di una modella: è bionda, alta gambe lunghe, magra, un culo da urlo,ma ha ancora molte inibizioni e non è ancora quella schiava totalmente asservita che piace a me, decido quindi di farle conoscere Marika sapendo della passione di questa per i piaceri di saffo e come questi piaceri siano una delle maggiori inibizioni e tabù di Apollonia.

marika la moglie schiava(cap. 1 prologo castità forzata)

Submitted by blogbdsm on Wed, 02/08/2017 - 15:48

Marika è una mia affezionata lettrice che non ha mai trovato il coraggio di manifestarsi fino a un giorno uggioso di fine gennaio.

Mi confida che è sposata, ma che spesso anche insieme al marito legge i miei racconti eccitandosi amorevolmente anche insieme a lui. La cosa però che le fa leggere e rileggere i miei racconti e a masturbarsi con essi è il suo immaginare che io sia un padrone perverso. Mi dice anche che quando scopa con suo marito ha degli orgasmi molto più forti quando pensa ai miei racconti, alle mie storie e a un padrone perverso come me.

confessione di un aspirante schiava

Submitted by blogbdsm on Wed, 11/30/2016 - 17:01

Lo contattai una sera di novembre, avevo letto i suoi racconti, nelle sue parole trovavo il mio desiderio, le sentivo scivolare ad una ad una sulla mia pelle come un onda, il suo modo di scrivere mi trasportava nella sua mente, nelle sue diaboliche perversioni, nelle sue sadiche punizioni, mi colpiva il suo esserci ma senza troppo contatto mi ritrovai a desiderare quell' uomo e ne rimasi scioccata.

il desiderio

Submitted by blogbdsm on Tue, 11/29/2016 - 16:03

È sera inoltrata torno a casa oggi il lavoro se stato sfiancante, controllo le email rispondo scazzato, ho in mente solo lei ora, entro in cucina bicchiere ghiaccio amaro, esco sul terrazzo mi siedo sul divano i rumori leggeri del traffico fanno da sottofondo al mio desiderio, prendo il cellulare in mano, eccolo il contatto che mi serve, non sei online, ci provo "tra un ora da me" invio un istante dopo "sta scrivendo" so già quale sarà la tua risposta "arrivo" sorrido mentre leggo, mi accascio sul divano e finisco la sigaretta, la voglia di fare sesso mi brucia

Jessica punizione e continuazione addestramento

Submitted by blogbdsm on Sun, 09/25/2016 - 18:19

Jessica cercò di giustificarsi in tutte le maniere per aver disubbidito, soprattutto dicendo che masturbarsi è un qualcosa più forte di lei e che oltre a quello che aveva resistito non ce la faceva a stare più tempo senza darsi piacere in quanto era abituata a darsi piacere molto spesso.

Io le dissi che di certo non era una giustificazione e che non l'avrei certo giustificata per avermi disubbidito e che l'inizio del suo addestramento non era certo stato dei migliori.

Pages

Subscribe to RSS - racconti erotici sottomissione