la mia nuova schiava: Marina la vacca 2

Il giorno dopo tornata a casa dalla montagna ordinai a Marina di andare in uno di quei bar di provincia frequentati da vecchi bavosi. La vacca mi chiese poi di mettere l’intimo durante una seduta di fisioterapia che avrebbe dovuto fare, dato che altrimenti avrebbe dovuto stare completamente nuda di fronte a lui. Il permesso le fu negato, in quanto quello era un suo problema, non mio.

Cercai di metterla in imbarazzo, chiedendole se si vergognasse ad andare in giro senza intimo, di andare dal fisioterapista senza intimo, ma mi rispose che il fatto che fosse del suo padrone a volere questo attutiva di molto la cosa, l’unica cosa di cui avrebbe provato un po’ di imbarazzo erano gli occhi addosso alle sue mammelle da vacca, in quanto non avrebbe potuto portare il reggiseno.

Le ordinai poi di pulire il water con la sua lingua e anche qui la sua risposta fu molto imbarazzata dicendomi che mai in vita sua avrebbe pensato di poter fare una cosa del genere, che si sentiva profondamente umiliata, ma sa che bene che quella è la posizione che le spetta da quando aveva accettato di diventare una mia schiava.

L’esecuzione non fu delle migliori,  in quanto leccò solo la tavoletta del water, quindi non potei esimermi da osservare che per quella volta nella mia immensa bontà e comprensione mi sarei accontentato, ma dalla prossima volta avrebbe dovuto leccare sotto la tavoletta.

Nel pomeriggio andò al bar, appena entrata aprì il cappotto, una cosa che la eccitò all’inverosimile, ma mi confessò che non aveva osato toccarsi, perché leggendo i miei racconti conosceva la punizione che le avrei inflitto per la violazione della castità forzata e sapeva che sarebbe stata tremenda da sopportare.

Mi confessò la sera, che finora aveva retto molto bene al mio ordine della castità forzata, ma che quando le davo degli ordini la sua fighetta si bagnava all’inverosimile.

L’indomani era il giorno in cui sarebbe dovuto andare dal fisioterapista, l’idea che questi per la prima volta potesse vedere la sua fighetta la faceva vergognare all’inverosimile e infatti così fu.

Appena arrivata dal fisioterapista, questi la fece spogliare e scoprì che era completamente nuda. L’uomo volendo infierire, le chiese perché e lei abbozzò che lo aveva fatto, perché aveva perso una scommessa con le amiche.

L’uomo che era stato sempre uno scrupoloso professionista, pensò che Marina oltre ad avere un fisico da vacca era anche una vacca e senza dare nell’occhio toccò a più riprese le tette e la figa Di Marina facendo finta di averlo fatto per sbaglio. Raggiungere la fine della seduta di fisioterapia senza dare nell’occhio fu per Marina impossibile, ormai gli umori le colavano giù per la gamba talmente tanto che l’uomo fu costretto a dirle che forse era meglio che tornasse un’altra volta, magari senza perdere scommesse con le amiche.

Mi raccontò poi che non era del tutto vero che non avesse mai avuto esperienze di sottomissione. Aveva avuto una cattiva esperienza con un ragazzo che dopo avergli confessato le sue fantasie, l’aveva frustata con la frusta di Indiana Jones facendole un male terribile (purtroppo l’ennesimo padrone della domenica).

Le spiegai che con me poteva stare tranquilla, perché l’avrei addestrata portandola anche a punizione peggiori, ma un passo alla volta facendole fare un percorso di crescita come schiava.

Mi chiese cosa intendessi per cose peggiori, ma le risposi che avrei proceduto per gradi, in quanto credo nel dialogo tra padrone e schiava e comunque ci sono cose come segnale di sicurezza, o parola di sicurezza con cui avrebbe potuto fermare i giochi in qualunque momento e la cosa la tranquillizzò molto.

Marina risultò tranquillizzata, anche se mi confessò che avrebbe preferito le frustate alla vergogna a cui l’avevo sottoposta al bar davanti a tutti quei vecchi bavosi, il che me ne fece uscire con la mia solita battuta provocatoria sul fatto che avrei potuto ordinarle di fare una sega a uno dei vecchi a caso per dieci euro.

Mi confidò poi che nella vita era sempre stata abituata ad ottenere tutto quello che voleva, quindi per lei quello che le stavo facendo era un percorso difficile, anche se molto appagante e che io sono l’unica persona con la quale vuole farlo.

La sera sarebbe dovuta andare a una cena di lavoro e per lei sarebbe stato molto difficile mantenere il decoro, infatti il ragazzo che la portò a casa si accorse che era senza intimo e senza reggiseno (quello ci voleva poco con le sue mammelle da vacca) e la costrinse a fargli una sega, altrimenti i suoi familiari avrebbero saputo che vacca era.

Ovviamente le feci presente che avrei dovuto punirla, avrebbe dovuto stare il giorno dopo in ginocchio sul sale grosso per chiedermi scusa. Accettò la cosa senza fiatare, pur ammettendo che non aveva scelta.

Decisi che la sera dopo l’avrei chiamata e le avrei permesso di toccarsi, glielo dissi la mattina per creare una maggiore eccitazione per l’attesa. Nel pomeriggio mi confessò che quando le avevo detto che l’avrei chiamata la sua fichetta era diventata calda e bagnata, quasi la sentiva pulsare.

La telefonata durò circa venti minuti: giocai al gatto col topo. Le permisi di masturbarsi, ma con infiniti stop and go che aumentavano la sua eccitazione all’inverosimile, ma non così tanto da avere un orgasmo. A un certo punto decisi di darle più tempo ed ebbe due orgasmi a distanza di poco tempo evidentemente tutti quei giorni di castità forzata e tutto questo tiro e molla aveva aumentato la sua eccitazione all’inverosimile.

Mi scrisse alla fine della telefonata che era senza forze e che per quello non era neanche riuscita a urlare da quanto era stremata, in quanto non le era mai capitato di fermare la masturbazione a livelli così alti di eccitazione.

Le dissi che da questo momento tornava in castità forzata e che l’indomani non avrebbe avuto il permesso di pisciare in bagno, ma in mezzo ai campi tra una porcilaia e l’altra con la possibilità di essere vista.

Lei nel dirmi che avrebbe obbedito mi raccontò ancora delle sue sensazioni, mentre obbediva agli ordini che le davo al telefono, al fatto che le indicassi come poteva toccarsi e come no e che per riprovare quella sensazione sarebbe disponibile ad ogni cosa.

Decisi allora di lasciarla per tutto il giorno tra le sue fantasie e i suoi umori fino a quando arrivò sera e le ordinai di mettere per cinque minuti una molletta da bucata sul clitoride. Le sensazioni che provò furono indescrivibili non le avevo sentite con nessuna schiava finora: trascorsi i secondi iniziali di dolore, si sentiva che il suo era puro piacere e puro godimento con umori che colavano lungo le gambe vertiginosi. La sensazione più forte fu però quando tolse la molletta, mi raccontò che era la sensazione che di solito aveva all’inizio di un orgasmo, ma il togliere la molletta aveva frustrato queste sensazioni e questo godimento, ma soprattutto mi disse che prima di conoscermi pensava di capire a fondo il suo corpo, invece le sensazioni che stava provando dimostravano che non era vero.

altri miei racconti erotici